Senza saperlo c’avevamo un Ministro del Petrolio – DAGOSPIA

Schermata da 2016-04-02 11-53-36dagospia – il ministro Guidi era l’addetto al Petrolio delle lobby per il governo Renzi

1. E PER FORTUNA CHE IL CAZZONE DI FI-RENZI MIRAVA A ROTTAMARE LA VECCHIA POLITCA DEGLI AFFARI: ANCHE IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA, L’AMMIRAGLIO GIUSEPPE DE GIORGI È INDAGATO NELL’INCHIESTA DI POTENZA CHE HA FATTO DIMETTERE IL MINISTRO FEDERICA GUIDI
2. HELP! I MAGISTRATI CONFERMANO: INTERROGATORIO PER LA GUIDI E MARIA ELENA BOSCHI
3. LA GUIDI SAPEVA DA UN ANNO DELL’INCHIESTA SUL PROGETTO TEMPA ROSSA. E DA TRE MESI ERA A CONOSCENZA CHE GLI ACCERTAMENTI DELLA PROCURA DI POTENZA COINVOLGEVANO IL SUO COMPAGNO GIANLUCA GEMELLI. POSSIBILE CHE IL MINISTRO PER LO SVILUPPO ECONOMICO NON ABBIA AVVISATO RENZI? CHE NON LO ABBIA DETTO AD ALTRI COLLEGHI DI GOVERNO?
4. LE INDAGINI RICOSTRUISCONO LE MANOVRE POLITICHE PER PILOTARE GLI AFFARI LEGATI AL PETROLIO. FACENDO EMERGERE IL RUOLO DEL SOTTOSEGRETARIO ALLA SALUTE VITO DE FILIPPO, MA ANCHE UNA SERIE DI INCONTRI E CONVEGNI TRA I QUALI, QUELLO PIÙ GETTONATO PER GLI ADDETTI AI LAVORI, ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE “ITALIANIEUROPEI” DI MASSIMO D’ALEMA

FONTE: DAGOSPIA

Precedente Crozza ci spiega il caso Guidi ed il rapporto tra Governo e Petrolio Successivo Pierluigi Boschi indagato 10 volte dal 2010 al 2015. Banca Etruria, 17 milioni di consulenze inutili secondo la Banca d'Italia

Leave a Reply